MENU

Vado, rubo, investo e torno

Pubblicato da: Categoria: Cronaca

15
MAR
2014

 

Nella serata di ieri i Carabinieri della Stazione di Crispiano hanno arrestato Walter Luigi Pontrelli, 38enne del luogo noto alle Forze di Polizia, per il reato di rapina impropria commessa nel primo pomeriggio in Martina Franca.
L’uomo, infatti, intorno alle 15:00 circa, previa effrazione degli infissi esterni, si era introdotto all’interno di un’abitazione rurale di Martina Franca asportando diverso materiale, tra cui una sega elettrica, un grosso contenitore in terracotta, una macchina da scrivere ed altro ancora. L’individuo aveva già caricato la refurtiva a bordo del veicolo in suo uso, quando veniva sorpreso sul posto dal proprietario che, con l’ausilio di alcuni vicini, lo induceva a scaricare dal mezzo la refurtiva allertando, contestualmente, le Forze di Polizia. 
Dopo averne scaricata parte, però, il soggetto, al fine di garantirsi l’impunità, si poneva alla guida del mezzo in maniera fulminea, dileguandosi velocemente e senza farsi scrupoli urtava pericolosamente il proprietario dell’abitazione che, nel tentativo impedirne la fuga, gli si era posto davanti per sbarrargli la strada. Nella circostanza, la vittima rovinava a terra ma, fortunatamente, riportava solo lesioni lievi giudicate guaribili in 3 giorni.
Nell’immediatezza venivano diramate le ricerche dell’uomo e del mezzo sul quale si era dato alla fuga e, grazie all’efficace coordinamento delle Centrali Operative delle Compagnie Carabinieri di Massafra e Martina Franca, l’individuo veniva dapprima identificato tempestivamente, sulla base degli elementi a disposizione, e poco dopo rintracciato nell’abitato di Crispiano dai Militari della locale Stazione Carabinieri, ancora in possesso dell’autovettura utilizzata per commettere il reato.
A bordo del veicolo i Carabinieri rinvenivano una bottiglia di liquore ed alcuni cavi elettrici asportati dall’abitazione di Martina Franca e che, evidentemente, erano rimasti nell’abitacolo allorquando l’individuo era scappato per sottrarsi alle proprie responsabilità. Oltre alla suddetta refurtiva, che veniva restituita al legittimo proprietario, vi era molto altro ancora: una motozappa, una idropulitrice, un motore per sollevamento dell’acqua, materiale elettrico ed utensili vari di cui il Pontrelli, naturalmente, non sapeva giustificarne il possesso e che pertanto veniva sequestrato unitamente all’autovettura, allo scopo di risalire ai legittimi proprietari. 
L’uomo alla luce di quanto sopra, veniva dichiarato in stato d’arresto per il reato di rapina impropria, poiché nel tentativo di assicurarsi l’impunità aveva adoperato la violenza, investendo la vittima che solo per un caso fortuito, aveva subito delle lesioni lievi. Contestualmente veniva deferito anche per il reato di ricettazione del materiale rinvenuto in suo possesso.
L’Arrestato dopo le formalità di rito, veniva tradotto presso la Casa Circondariale di Taranto, su disposizione del P.M. di turno. 
 
 


Lascia un commento

Nome: (obbligatorio)


Email: (obbligatoria - non sarà pubblica)


Sito:
Commento: (obbligatorio)

Invia commento


ATTENZIONE: il tuo commento verrà prima moderato e se ritenuto idoneo sarà pubblicato

Sponsor