MENU

L´AMBIENTE A PORTATA DI UNIVERSITÀ

Pubblicato da: Categoria: ATTUALITA'

12
LUG
2018

Un summer course in “Sviluppo sostenibile ed economia circolare”. La tre giorni presentata dalle associazioni Elsa Taranto e Giuristi ed economisti jonici

La tematica è senza dubbio corrispondente a quelle che sono le criticità del territorio jonico. Cos’è allora l’economia circolare? Secondo quanto riportato dal sito ufficiale economiacircolare.com si tratta di un sistema economico pianificato per riutilizzare i materiali in successivi cicli produttivi, riducendo al massimo gli sprechi. Tale modello si basa dunque sul risparmio di grandi quantità di risorse ed energia (dalla progettazione, alla produzione, al consumo, fino alla destinazione a fine vita), ponendo attenzione alla prevenzione delle esternalità ambientali negative e alla realizzazione di nuovo valore sociale e territoriale.
Diffondere i valori del rispetto dell’ambiente, divulgare le buone prassi, proiettare la società verso un futuro sostenibile: è sicuramente con questi obiettivi e con questo spirito che le due associazioni studentesche - Elsa Taranto e Giuristi ed economisti jonici, in collaborazione con la Segreteria Organizzativa della facoltà di Giurisprudenza di Taranto - hanno organizzato un innovativo “summer course” dal titolo “Sviluppo sostenibile ed economia circolare”.
Gli incontri si terranno da lunedì 9 a mercoledì 11 Luglio presso la Sala Conferenze (ex Chiesetta) del Dipartimento Jonico dell’UniBa. Il corso - che mira a comprendere come lo sviluppo sostenibile rappresenti l'unica soluzione realistica alle problematiche ambientali e a sensibilizzare gli operatori del settore - prevede infatti tre giorni di formazione e aggiornamento ed è aperto non solo agli studenti, ma anche ai laureati, ai dottorandi di ricerca, ai dottori di ricerca, agli assegnisti di ricerca, agli avvocati e ai commercialisti. Per cui, proprio in virtù della multidisciplinarità della tematica suddetta, interverranno vari professori universitari e professionisti locali.
Coniugare diritto e ambiente può essere una sfida interessante per la città di Taranto, sia sotto il profilo teorico che pratico. Tanto quanto lo è “pensare global e agire local”. Sensibilizzare i professionisti del futuro è allora il primo passo verso un nuovo cambiamento di rotta, in vista di un maggior benessere ed una migliore qualità della vita, che non può non partire anzitutto dalla fremente realtà universitaria.
E quella tarantina non si fa certamente trovare impreparata alle sfide del futuro.


 



Lascia un commento

Nome: (obbligatorio)


Email: (obbligatoria - non sarà pubblica)


Sito:
Commento: (obbligatorio)

Invia commento


ATTENZIONE: il tuo commento verrà prima moderato e se ritenuto idoneo sarà pubblicato

Sponsor