MENU

La tecnologia applicata all´ambiente

Pubblicato da: Categoria: Attualità

1
DIC
2016
L’IISS “Majorana” è stato invitato a rappresentare la Puglia alla 26^ Edizione della mostra nazionale Job&Orienta che ogni anno, a novembre, si tiene a Verona; manifestazione che riunisce le eccellenze scolastiche italiane distintesi per meriti formativi e iniziative didattiche di qualità
 
 
“Premio e menzione speciale all’IISS “Majorana” di Martina Franca quale unico istituto scolastico in Puglia a proporre idee e progetti innovativi ad alto contenuto tecnologico per ben cinque anni consecutivi. L’ultimo progetto realizzato: Keep eControl, è vincitore nella categoria "Citta e territori sostenibili".” Con queste motivazioni l’assessore regionale all’istruzione dott. Sebastiano Leo ed altri funzionari regionali, hanno individuato l’IISS “Majorana” quale istituto scolastico invitato a rappresentare la Puglia alla 26^ Edizione della mostra nazionale Job&Orienta che ogni anno, a novembre, si tiene a Verona; manifestazione che riunisce le eccellenze scolastiche italiane distintesi per meriti formativi ed iniziative didattiche di qualità.   
Il progetto Keep eControl coniuga due principi: la tecnologia applicata all’ambiente. “Si tratta di un sistema integrato low cost e open source per il monitoraggio ambientale- ci illustra il prof. Piero Raguso, docente di informatica-. Assemblando opportunamente diversi sensori in una cassetta stagna equipaggiata con Arduino e una scheda wi-fi, è stata realizzata una mini centralina di rilevamento a basso costo che può essere installata ovunque. Tramite la scheda wifi la centralina trasmette in tempo reale a un server web i dati di inquinamento acustico, polveri sottili ed idrocarburi volatili. Questi dati vengono poi elaborati e pubblicati sul portale http://www.econtrol.altervista.org, quindi, immediatamente disponibili per la consultazione dei cittadini.” Ideatori del dispositivo, due giovani neodiplomati: Marco Menga e Alessandro Galasso che, con la collaborazione di Paolo Chieco alunno della attuale classe IV A informatica, hanno illustrato il prototipo alla recente mostra di Verona. L’ambiziosa idea vuole soddisfare l’esigenza di ottenere in tempo reale l’analisi e l’incidenza dei principali inquinanti ambientali, che attualmente comportano l’uso di dispositivi costosi e complessi da gestire, più frequentemente installati nei grandi centri urbani dove l’impatto è più elevato. Allora perché non consentire anche alle piccole e medie realtà urbane, anch’esse colpite dagli agenti inquinanti, di avvalersi di un sistema di monitoraggio simile? L’idea ha incuriosito non poco gli imprenditori presenti presso lo stand di Regione Puglia, con l’intenzione di collaborare in  futuro nella realizzazione dei dispositivi. Vedono lungo i due giovani artefici di Keep eControl nel voler perfezionare il progetto, sostenuti dal loro professore, con la realizzazione di una rete di nodi “eControl” installati in aree critiche e consentire la valutazione integrale dell’ambiente. 
“Questi riconoscimenti sono sempre motivo di orgoglio – commenta con soddisfazione la dirigente scolastica del Majorana, prof.ssa Anna Caroli - ai quali non ci abitueremo mai, pur essendo arrivati al quinto anno consecutivo. Al contrario, sono per noi un incentivo a proseguire la nostra ricerca innovativa in campo tecnologico, quale mission e vision del nostro istituto. Non a caso ogni anno le idee si trasformano in concreti prototipi. La “fucina” del Majorana non si ferma alla mera formazione professionale ma mira a incoraggiare gli studenti talentuosi, a sostenere le loro buone idee che prendono forma nei nostri laboratori, attraverso la più innovativa delle esperienze di didattica: quella del fare.”
 


Lascia un commento

Nome: (obbligatorio)


Email: (obbligatoria - non sarà pubblica)


Sito:
Commento: (obbligatorio)

Invia commento


ATTENZIONE: il tuo commento verrà prima moderato e se ritenuto idoneo sarà pubblicato

Sponsor