MENU

Cara Consigliera, le rispondiamo

Pubblicato da: Categoria: Attualità

14
SET
2017

Alla minaccia di querela di Stefania Baldassari inviataci tramite Facebook (!), abbiamo letto e riletto il pezzo ma non riusciamo proprio a comprendere quale mai possa essere la parte che ha fatto arrabbiare così tanto la Consigliera, la quale - in verità - non è mai stata tirata in ballo nell’articolo

Riceviamo e volentieri pubblichiamo un post facebook inviato a commento dell’articolo “Muro contro muro” del 7 settembre 2017 (ndr http://www.extramagazine.eu/it/blog/3-attualita/7192-muro-contro-muro.html):
“Egr. articolista, la invito a pubblicare nelle forme che riterrà opportune, quanto di seguito ovvero la mia unica e ferma volontà di svolgere il mio ruolo di consigliera di opposizione per il perseguimento del bene comune, ritenendo che quanto da lei affermato circa la mia strumentalizzazione del bene comune per interessi personali sia frutto di mera illazione, lesiva della mia persona, in difetto di quanto richiesto mi vedrò costretta ad agire per la mia tutela nelle opportune sedi, ringrazio, Stefania Baldassari”.
Abbiamo letto e riletto il pezzo ma non riusciamo proprio a comprendere quale mai possa essere la parte  che ha fatto arrabbiare così tanto la dottoressa Baldassari  la quale, in verità, non è mai stata tirata in ballo nell’articolo.
Registriamo con piacere e sottolineamo l’intento dell’esponente politico in questione di svolgere il suo ruolo di consigliere d’opposizione per la collettività e sinceramente non nutrivamo alcun dubbio al riguardo.
Detto questo – e tanto le dovevamo per questione di cortesia e non certo perché obbligati dalla legge -  ci siano consentite un paio di considerazioni che proveremo a declinare con pacatezza  e senza intenti polemici.
A volte, senza minacciar querele, sarebbe molto più saggio non agire di impulso e non affidare a facebook certe sparate quando sarebbe molto più semplice telefonare in redazione e chiedere chiarimenti. Se la dottoressa Baldassari lo avesse fatto, avrebbe trovato un giornalista (non articolista) e un Direttore responsabile pronti a dipanare ogni dubbio. Qualcuno le avrebbe chiesto il perché si senta chiamata in causa da un articolo che non la cita minimamente.
Questo gesto istintivo rischierebbe di apparire come una excusatio non petita (nessuno ha tirato in ballo la Consigliera in questione) o, cosa ancor peggiore, come una minaccia. Stia pur tranquilla la Consigliera Baldassari perché i nostri nervi sono saldi e non consideriamo il suo gesto come una minaccia ma come un’occasione persa per lei.
Ci spiace solamente dover registrare la differenza con il suo contendente Rinaldo Melucci il quale - con stile impeccabile  e nonostante sia stato tirato più volte direttamente in ballo su queste pagine – mai e poi mai ha minacciato carte bollate con l’intento di mettere in discussione la sacrosanta libertà di opinione che in questo Paese ancora ha diritto di asilo (in special modo quando si tratta di operatori dell’informazione).
Sa cosa ci brucia di più dottoressa Baldassari? Ci brucia di aver scritto su queste stesse pagine prima del ballottaggio : “non è possibile non considerare Stefania Badassari un ciclopico esempio di coraggio e lealtà verso il proprio corpo elettorale. Non foss’altro per differenza.
Di fronte ad una simile dignità non ci si può che togliere il cappello riscontrando che i tarantini si troveranno a scegliere avendo da una parte una coalizione omogenea e dall’altra un’ammucchiata che farebbe di tutto per vincere.  Da una parte l’onore e dall’altra il compromesso. Da una parte la fedeltà a ciò che si è detto in questi mesi e dall’altra un mutavento repentino, una badogliata enorme.
Poi, sullo spessore delle forze in campo ognuno resterà della propria opinione ma la differenza di stile è troppo vistosa per passare sotto silenzio.
La speranza è che la città punisca l’arroganza e che il pastorello Davide, anche questa volta armato di una semplice fionda, riesca ad avere la meglio sul gigante Golia” (ndr, http://www.extramagazine.eu/it/blog/11-copertina/7078-apparentamenti-hot.html). Le espressioni così lusinghiere nei suoi confronti, scritte in tempi non sospetti, non lasciano dubbi su ciò che pensiamo. Sbagliavamo valutazione noi allora o sbaglia lei i comportamenti oggi? Adesso forse capirà chi sono coloro che lei considera nemici degni di una querela.
Crediamo che la sua immagine non esca benissimo da questa vicenda.

 



Lascia un commento

Nome: (obbligatorio)


Email: (obbligatoria - non sarà pubblica)


Sito:
Commento: (obbligatorio)

Invia commento


ATTENZIONE: il tuo commento verrà prima moderato e se ritenuto idoneo sarà pubblicato

Sponsor