MENU

Martina Franca è una sola

Categoria: Politica

23
MAG
2017

In un cinema Teatro Nuovo stracolmo e circondata da un una clima di straordinario entusiasmo e calorosa partecipazione, la coalizione a sostegno del candidato Sindaco, dott. Eligio Pizzigallo, si è presentata ufficialmente alla cittadinanza martinese.

Una convention che ha visto la partecipazione dei 120 candidati al consiglio comunale, in rappresentanza delle cinque liste dello schieramento: i movimenti civici “LeAli per Martina”, “Martina Futura e Democratica”, “Solidarietà e Lavoro” e i partiti politici Direzione Italia e Udc.

Sul palco accanto al candidato Sindaco, il dott. Eligio Pizzigallo, a sottolineare l’importanza dell’evento, che ha dato ufficialmente lo start alla campagna elettorale della coalizione, l’autorevole presenza dell’on. Raffaele Fitto, europarlamentare di Direzione Italia, dell’on. Rocco Buttiglione (Udc) e dell’on. Gianfranco Chiarelli, coordinatore provinciale di Direzione Italia.

In apertura, sono stati gli esponenti dell’aggregazione, uno in rappresentanza di ogni lista, a ribadire le motivazioni che hanno portato alla creazione di questo nuovo progetto comune, finalizzato ad avviare un processo di rinnovamento per Martina sia sotto l’aspetto politico che amministrativo.

 

La grande partecipazione che traspare questa sera è sintomo evidente della coesione di una squadra unita e compatta, aggregatasi attorno alla figura di Eligio Pizzigallo – ha sottolineato l’ing. Francesco Convertini (“Solidarietà e Lavoro”) - Una squadra che ha dentro tante storie, una nostra peculiarità giudicata da qualcuno un punto di debolezza ed invece è il suo maggior punto di forza, perché sono storie legate da un filo comune, quello della grande voglia di cambiamento espressa da un città che le sfide, da oggi in poi, dovrà accettarle e giocarle, non subirle com’è accaduto in questi ultimi anni. Una città che vuole il rinnovamento e solo con Eligio Pizzigallo sindaco, questo potrà realmente accadere”.

 

Intanto permettetemi di ringraziare tutti i candidati di questa coalizione – ha esordito l’avv. Giandomenico Bruni (“Martina Futura e Democratica”) – donne e uomini, e tra loro tantissimi giovani, che hanno deciso di scendere in campo mettendoci tutta la passione, la determinazione e lo spirito di servizio per offrire un contributo concreto al rilancio di questa città, senza alcun interesse o tornaconto personale. Martinesi accomunati da un percorso di cui Eligio Pizzigallo rappresenta la garanzia etica. E noi siamo sicuri che quando Eligio sarà eletto sindaco, affideremo la nostra città in mani sicure ed oneste”.

 

Questa città sta vivendo una situazione di grande difficoltà anche perché l’Amministrazione precedente non ha saputo rivolgere le sue attenzioni ai reali problemi della nostra comunità, a cominciare da quelli che attanagliano le fasce più deboli della popolazione – ha poi evidenziato il dott. Michele Muschio Schiavone (Udc) – Sono sicuro che quello di avviare un’attenzione particolare alle politiche sociali sarà un impegno che Eligio Pizzigallo saprà onorare fino in fondo, perché è da qui che occorre ripartire per far crescere davvero questa città. L’unico candidato sindaco, il nostro, che non si è autoproclamato ma che, proprio per le sue qualità morali e per le sue indubbie capacità, è invece stato scelto da questa squadra. Una coalizione che non ha guardato ai colori politici ma alle capacità e alle professionalità di uomini e donne pronti a mettersi al servizio di Martina e dei martinesi. Ed è a Eligio Pizzigallo che noi affidiamo il futuro di questa città”.

 

In questi ultimi decenni Martina ha sofferto una deleteria instabilità politica – ha dichiarato il dott. Martino Ancona (“LeAli per Martina”) probabilmente perché gran parte della classe politica martinese non ha saputo esprimere una qualità morale fondamentale e qualificante: la lealtà. Ed ecco perché è nato il progetto che ha portato alla costituzione del movimento civico “LeAli”, per mettere insieme uomini e donne che potessero proporsi al governo di questa città firmando un patto di lealtà con i cittadini e rispettandolo sino in fondo, anche nei momenti più difficili. Questa coalizione, guidata dal nostro candidato sindaco, Eligio Pizzigallo, rappresenta la vera alternativa per queste Amministrative, l’unico progetto possibile per puntare ad un cambiamento reale. Questo i cittadini martinesi lo stanno chiaramente avvertendo ed ecco perché dall’altra parte, mentre si continua a fare molta demagogia, si cominciano a registrare evidenti segnali di nervosismo che stanno portando, nei nostri confronti, anche ad attacchi scomposti e spesso indirizzati sul piano personale, che denotano una netta differenza di stile.”

Siamo qui per porre rimedio al corto circuito avvenuto nel 2012 – ha quindi evidenziato con forza l’on. Gianfranco Chiarelli (Direzione Italia) – dal quale si è generata una politica che ha portato all’immobilismo di questa città e alla mortificazione delle imprese, un pregiudiziale ideologico nei confronti di chi investe e produce ricchezza e lavoro. La passata Amministrazione ha consentito il dialogo solo con chi l’aveva votata e questo è gravissimo. Con Eligio Pizzigallo tutto questo non avverrà perché sarà davvero il Sindaco di tutti, anche di chi non lo voterà. Una persona inattaccabile sotto tutti i punti di vista così come lo sono, per la loro qualità, i candidati delle nostre liste, in grandissima maggioranza tutti volti nuovi, scesi in campo insieme ad animare l’unico progetto che può rappresentare il reale cambiamento per Martina. Giudicano la nostra coalizione un’insalata politica? Con uno chef come Eligio Pizzigallo potrà solo rivelarsi estremamente salutare per tutti i martinesi”.

Perché la gente ha perso fiducia nella vecchia politica? Perché pensa che gran parte di quella classe politica sia stata, tranne che per alcune eccezioni, inaffidabile, corrotta e, spesso, incompetente. Oggi occorre ricostruire la politica, il rapporto tra chi governa e chi è governato – ha quindi evidenziato l’on. Rocco Buttiglione (Udc) – e guardando ai valori espressi dal progetto politico nato a sostegno di Eligio Pizzigallo si può dire che proprio da Martina può partire l’esempio per ricostruire quel rapporto di fiducia. Eligio Pizzigallo nel suo programma cita Don Luigi Sturzo, affermando che la Politica “è servire la cosa pubblica e non servirsi della cosa pubblica”. E questo è davvero un esempio straordinario di come si possa e si debba amministrare.  Per far rinascere la vera politica oggi occorre partire da una classe dirigente che sia moralmente inattaccabile e qui a Martina ci sono tutti i presupposti perché ciò accada. Perché qui c’è un futuro sindaco che crea la coalizione, sapendo parlare con tutti e ascoltare tutti, con l’obiettivo di guidare tutta la città e non solo una parte, mostrando di incarnare quella cultura della mediazione di cui Aldo Moro ha rappresentato la massima espressione”.

Eligio Pizzigallo rappresenta una serie di qualità che insieme costituiscono un elemento fondamentale per ridare credibilità al governo cittadino e offrire le migliori opportunità ad una comunità come quella martinese – ha affermato l’on. Raffaele Fitto (Direzione Italia) – Eligio Pizzigallo avrebbe potuto fare non il candidato ma con certezza il sindaco quando, negli anni d’oro del centro destra, andammo tutti insieme a chiedergli di scendere in campo e invece ha scelto di fare oggi il candidato in una competizione certamente difficile perché ha sentito la necessità di offrire un contributo concreto in una fase certamente difficile per questa città. Perché Eligio ama la sua città, la conosce bene, conosce questo territorio e le grandi qualità di questa realtà. Martina è sempre stata un punto di riferimento per l’intera regione sotto l’aspetto economico e culturale e oggi deve tornare ad esserlo e questo progetto politico guidato da Eligio Pizzigallo può davvero garantire nuovamente un futuro per questa città degno della sua storia”.

E’ toccato quindi al candidato Sindaco, dott. Eligio Pizzigallo, concludere con il suo intervento la convention, ricordando in apertura il sen. Giulio Orlando, recentemente scomparso:

Essere qui questa sera, al cospetto di una platea così numerosa e calorosissima, circondato dagli amici della coalizione e da questa meravigliosa squadra composta dai candidati delle sue cinque liste è per me già una vittoria. Qualcuno in queste settimane di campagna elettorale mi ha rivolto delle critiche, accusandomi di non essere un politico e quindi di non avere l'esperienza giusta per amministrare una città. Non sono un politico, è vero, sono un medico, ma sono determinato, come lo sono tutte le persone per bene che vogliono dire basta all’immobilismo che sta paralizzando questa città. Lo strumento per attuare concretamente il rinnovamento è cambiare il metodo. E il nostro sarà quello dell'ascolto, della partecipazione e della trasparenza. Proprio la mancanza assoluta di trasparenza ha determinato il fallimento della passata Amministrazione. Quattro anni in cui si è mortificato il ruolo del consiglio comunale, svuotato di ogni sua funzione politica e istituzionale e trasformato invece in un luogo utile solo per approvare delibere e provvedimenti già decisi, senza un minimo di condivisione con i consiglieri comunali. Da medico, in questi anni, sono stato abituato ad ascoltare ed è quello che continuerò a fare quando sarò eletto sindaco di questa città. Mi occuperò delle piccole cose e dei grandi progetti per garantire crescita e valore ad una città che deve tornare ancora grande. E questa coalizione ha in sè tutti i fattori di crescita. Martina è una sola. Un corpo unico: centro, periferie ed agro. Una città intesa nella sua totalità. Ogni quartiere, ogni contrada, sono tutti figli che appartengono alla stessa, grande famiglia e verso i propri figli bisogna avere la stessa attenzione e concedere loro le stesse possibilità. Ed è stata proprio la martinesità, questo valore profondo che da sempre mi appartiene, a spingermi a scendere in campo. Diceva John Kennedy: “Concittadini, non chiedete cosa il vostro paese può fare per voi, chiedete cosa potete fare voi per il vostro paese”. Perché se si vuol cambiare il futuro di questa città non si può restare ancora alla finestra e criticare, occorre assumersi in prima persona le responsabilità e mettere in campo quel senso civico che oggi deve accomunarci tutti. Solo unendo le forze e puntando al bene comune si può ottenere un rinnovamento reale, si può sperare di lasciare ai nostri figli una Martina diversa, dalla quale i nostri ragazzi non devono più fuggire per trovare risposte altrove, creando le condizioni per garantire il reale benessere alla sua comunità, a partire dalle fasce più deboli. Una presenza, la vostra – ha poi concluso il dott. Pizzigallo - che mi trasmette davvero grandissima forza e una consapevolezza: l'11 giugno noi vinceremo queste elezioni e cambieremo insieme il volto di questa città.”



Lascia un commento

Nome: (obbligatorio)


Email: (obbligatoria - non sarà pubblica)


Sito:
Commento: (obbligatorio)

Invia commento


ATTENZIONE: il tuo commento verrà prima moderato e se ritenuto idoneo sarà pubblicato

Sponsor