MENU

"Mantenuta" a chi?

Pubblicato da: Categoria: Attualità

19
GEN
2017

Le parole possono ferire, anche se scritte nella causale del vaglia destinato alla ex moglie

L’amore è una cosa meravigliosa ma quando finisce è un vero disastro emotivo.
Infatti, in molti casi l’amore si trasforma in odio e l’odio genera parole cattive.
Mantenere i nervi saldi non è semplice quando si è in preda ad un uragano emozionale ma è sempre bene controllare i propri istinti perché, in alcuni casi, certe espressioni possono portare a conseguenze indesiderate.
Ad esempio, al di là del rancore che si può provare nei confronti dell'ex, non è consentito etichettare la ex moglie dandole della mantenuta.


Il caso
Un uomo aveva scritto la parola ”mantenuta” nella causale del vaglia che faceva mensilmente alla moglie a titolo di mantenimento; l’uomo è stato ritenuto responsabile del reato di diffamazione ed è stato condannato alla pena di euro 1000 di multa ed euro 5000 per il risarcimento del danno non patrimoniale.
[ Corte di Cassazione sentenza n. 522 del 5 gennaio 2017 ]
 



Lascia un commento

Nome: (obbligatorio)


Email: (obbligatoria - non sarà pubblica)


Sito:
Commento: (obbligatorio)

Invia commento


ATTENZIONE: il tuo commento verrà prima moderato e se ritenuto idoneo sarà pubblicato

Sponsor